lunedì 18 marzo 2013

L'isola del tesoro e i giri di chiglia.


Avevo già parlato in un altro post della questione isola del tesoro e di stare molto attenti a non farci consegnare la  macchia nera.
Ebbene le cose si sono incanalate già su un sentiero positivo, insomma abbiamo una mappa del tesoro , ma avere una mappa, per quanto autentica, non vorrà dire mettere le mani sul leggendario tesoro del capitano Flint, onestamente non credo che Bersani riceverà la fiducia nonostante le peripezie del nostro affezionatissimo Jim Hawkins, la strada come andiamo ripetendo è stretta, e lo credo bene che sia complicato altrimenti col cavolo che Robert Luis Stevenson ci scriveva il libro...
Credo che si procederà in verità come sulle montagne russe o per rimanere in tema con qualche giro di chiglia, mi spiego, con l'elezione del Presidente del Senato e la vicenda dell'ammutinamento di qualche mozzo Grillino abbiamo raggiunto un ottimo risultato che ci ha portato in alto,  a questo punto però Long Jhon Grillo si farà sentire in maniera dura con la sua ciurma (proprio come sta succedendo in questi giorni) e credo dunque che nessuno del M5S voterà la fiducia al capitano Smollet Bersani, qui ci sarà dunque un nuovo picco negativo... 
Si aprirà quindi una fase nuova nella quale tutto il Paese scaricherà in qualche modo la responsabilità sui cittadini del M5S, ai quali, successivamente, non si prospetterà un invito a pranzo con un governissimo pd-pdl, ci sarà piuttosto un incarico ad una personalità di alto profilo ben vista anche nelle taverne marinare del porto di Genova (sul modello Boldrini-Grasso), si riproporranno gli 8 punti rincarando la dose sulla questione rimborsi elettorali (da qualche parte si dovrà cedere un qualcosa in più, sigh!) la pressione sui grillini a quel punto sarà al massimo e si potrà fare breccia nel fortino dei pirati.
"A che ci serve un tuono, noi vogliamo del Rhum"

Ah, per la cronaca, abbiamo pure Ben Gunn !!!



Nessun commento:

Posta un commento